Nuovo0001ff

A Rimini, presso il Castel Sismondo, nei giorni 27-28-29 Ottobre 2017 avrà luogo l’evento “I CASTELLI IN EPOCA MALATESTIANA. RESIDENZA E DIFESA IN ITALIA TRA MEDIOEVO E RINASCIMENTO”.

Promotore dell’iniziativa in argomento, assieme al Comune di Rimini, è l’Istituto Italiano dei Castelli. Si tratta di un’organizzazione culturale senza scopo di lucro, nata nel 1964, che svolge la sua attività essenzialmente su quattro fronti:

1. Lo studio storico, archeologico e artistico dei castelli e dei monumenti fortificati.
2. La loro salvaguardia e conservazione.
3. L’inserimento delle architetture fortificate nel ciclo attivo della vita moderna.
4. La sensibilizzazione scientifica e turistica dell’opinione pubblica.

Il PROGETTO nasce dall’idea di celebrare la Figura di Dino Palloni, nella sua città, a cinque anni dalla prematura scomparsa.
Nell’ambito dell’Istituto Italiano dei Castelli fu un instancabile studioso e storico delle fortificazioni e promotore del “Gruppo Giovani” denominato successivamente “Gruppo di Studio della Sezione Emilia Romagna”. La concomitanza dell’iniziativa con le celebrazioni Malatestiane, promosse dall’Assessorato alle Arti del Comune di Rimini, hanno reso possibile l’ideazione di un progetto culturale di forte valore scientifico che si pone l’obiettivo di valorizzare il patrimonio castellano legato all’influenza malatestiana mettendolo in relazione con esempi di carattere nazionale attraverso un approccio scientifico e divulgativo volto ad analizzare non solo gli aspetti architettonici, ma anche quelli politici, militari e sociali.

L’EVENTO proposto si compone di diverse sezioni e sessioni dedicate a promuovere ad un pubblico specialistico, ma anche e soprattutto ai cittadini riminesi, l’immenso patrimonio culturale rappresentato da Castel Sismondo e dal sistema difensivo malatestiano.
Il Castello di Rimini, sarà oggetto di interessanti relazioni legate alla storia, ai restauri e alle recenti scoperte archeologiche.
Il Castello verrà inoltre presentato al pubblico attraverso un ciclo di visite guidate finalizzate a far conoscere gli aspetti storici e castellologici con il supporto di ricostruzioni storiche, ad alto livello qualitativo, proposte da Associazioni del territorio riminese che ricostruiranno, sulla base di dati storici, alcuni ambienti della fortezza al tempo di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Anche la città ed il suo territorio saranno al centro delle tematiche proposte attraverso contributi focalizzati a evidenziare elementi di novità come nei casi di Porta Galliana, e di altri contesti malatestiani, in città e nel territorio.

In occasione delle iniziative culturali, promosse dal Comune di Rimini e dall’Istituto Italiano dei Castelli, sarà possibile visitare gratuitamente Castel Sismondo attraverso due proposte di visita guidata dedicate alla storia della più importante fortezza malatestiana.

Le VISITE GUIDATE saranno di due tipologie:

– Il percorso di visita “A” proposto dal Gruppo di Studio “Dino Palloni” della Sezione Emilia Romagna dell’Istituto Italiano dei Castelli, sarà dedicato alla storia dell’edificio attraverso le sue fasi costruttive e le sue caratteristiche difensive nel rapporto con l’architettura militare del Rinascimento italiano. Durante il percorso sarà possibile visitare anche la sala didattica dedicata ai castelli dei Malatesta. Ai visitatori verrà fornita una scheda tecnica conoscitiva al fine di poter meglio comprendere i temi proposti. La durata della visita sarà di circa novanta minuti.

– Il percorso di visita “B” organizzato dall’Associazione Culturale COMPAGNIA DI SAN MARTINO e in collaborazione con l’Associazione Culturale IMAGO ANTIQUA, approfondirà gli aspetti di vita quotidiana, militare e civile, attraverso un racconto caratterizzato da alcune ricostruzioni di ambienti del castello dove attraverso momenti di animazione storica e didattica sarà possibile approfondire temi dedicati alla difesa delle roccaforti rinascimentali con focus dedicati alle armi e alla guarnigione. Verranno ricostruiti anche alcuni ambienti nobiliari dove si potranno incontrare alcuni personaggi della corte di Sigismondo Malatesta.

Per tutti i dettagli, anche con riferimento a giorni e orari delle visite guidate, CLICCA QUI 

 

coltelli VignolaDomenica 15 OTTOBRE 2017, in occasione dell’evento Le Erbe degli Sforza, torneremo nella piazza antistante la Rocca di Riolo Terme (RA) con tre banchi didattici del tardo Quattrocento italiano.

Nell’edizione di quest’anno, grazie a IMAGO ANTIQUA potrete approfondire il funzionamento della balestra e dei suoi accessori, scoprire quali oggetti e suppellettili di uso quotidiano erano più comunemente venduti dai merciai, nonché comprendere i processi artigianali sottostanti alla costruzione e all’assemblaggio dei coltelli.

Il pubblico potrà interagire con i nostri Ricostruttori Storici in abiti del XV secolo, che mostreranno non solamente repliche di livello museale, ma anche originali coevi provenienti dalle proprie collezioni, mettendo in evidenza in un confronto diretto tutti i dettagli che normalmente sfuggono all’osservazione del grande pubblico, nonché la difficoltà di riprodurli in maniera filologicamente accurata.

Le Erbe degli Sforza 2017_1 di 2      Le Erbe degli Sforza 2017_2 di 2


 

 

 

 

 

 

Notizia dell’evento sul sito del Comune di Riolo: LEGGI QUI

Mercato didattico IMAGO ANTIQUA nell’edizione 2016: VEDI IMMAGINI 

Lenzburg_01Tra il 27 e il 30 luglio 2017, presso il castello-museo di Lenzburg, in Aargau (Svizzera), si è svolto un evento della Company of St. George che ha richiamato oltre 80 reenactors da tutta Europa, per offrire ai visitatori uno spaccato di vita tardo medievale in un contesto storicamente credibile.

Il castello stesso, monumento tra i più importanti nel suo genere in suolo elvetico, mostra oggi più fasi edilizie collocabili tra XI e XVII secolo, ma così bene armonizzate da non “disturbare” l’occhio del pubblico, pur nella loro diacronicità.
In questo scenario quasi privo di compromessi si sono dunque dipanate le consuete attività militari di guarnigione e un “mercato didattico”, dove abili artigiani e mercanti hanno interagito al massimo con la platea dei visitatori del castello, per rendere veramente immersiva l’esperienza del passato.

Negli scatti a seguire saranno presentati alcuni dei momenti ricostruttivi vissuti dai soci di IMAGO ANTIQUA che con la Company of St. George collaborano ormai da anni, in piena sintonia d’intenti.
Marco Vignola, infatti, ne fa parte dal 1999, mentre Andrea Carloni ed Enrico Lazzari, in qualità di “reclute”, sono membri di diritto dell’associazione ed hanno a loro attivo numerose partecipazioni agli eventi della Compagnia; Silvia Ballabio, dal canto suo, ha invece offerto il suo contributo come ospite tanto in abito medievale, quanto nei panni di fotografa accreditata.

Immagini di Andreas Petitjean e Silvia Ballabio

Lenzburg_02 DSC_0090 DSC_0144 DSC_0303 DSC_0341 DSC_0350
marco

marcoarmato

Silvia&Andrea


icosaedro_celebrazioni_malatestiane_bis

Il prossimo 19 giugno sarà una data speciale a Rimini: nell’imponente cornice offerta da CASTEL SISMONDO, il Comune ha chiamato a raccolta tutta la cittadinanza per esprimere grande giubilo e orgoglio di appartenenza alla città, in occasione dei 600 anni trascorsi dai natali del suo illustre Mecenate e Condottiero, Sigismondo Pandolfo Malatesta (1417-1468).

Le Associazioni Culturali locali IMAGO ANTIQUA e COMPAGNIA DI S. MARTINO, entrambe specialiste nel Tardo Quattrocento, saranno impegnate nell’aprire le celebrazioni con la presenza dei rispettivi Ricostruttori Storici, dando il via ad una serie di eventi che copriranno un arco temporale di oltre un anno, fino al 550° dalla morte del Signore di Rimini (9 ottobre 2018).

Scopri i dettagli sul sito ufficiale del Comune di Rimini: CLICCA QUI

________

Alcuni scatti realizzati durante l’evento: 

Rimini1  Rimini3  Rimini2      Rimini4   Riimini5

 

Quotidiana37

E’ con grande soddisfazione che segnaliamo un prezioso saggio nel campo dell’analisi storico-iconografica del XV secolo, al quale l’Associazione Culturale IMAGO ANTIQUA ha contribuito con alcune immagini scattate durante un allestimento ambientale effettuato all’interno del sito oggetto di studio:


Università degli Studi di Milano – Facoltà di Studi Umanistici

Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali; anno accademico 2015-2016

Il ciclo pittorico del Casino di Caccia Borromeo a Oreno di Vimercate

Tesi di Laurea di SOFIA REDAELLI

 

tesi Redaelli_01
tesi Redaelli_02      tesi Redaelli_03

           tesi Redaelli_04      tesi Redaelli_05


L’intero set fotografico, ritraente i membri IMAGO ANTIQUA in azione, è visualizzabile cliccando QUI

Cogliamo l’occasione per congratularci con la Dott.ssa Redaelli, ringraziandola per l’interesse e l’apprezzamento riposto nel nostro lavoro, augurandole una carriera ricca di soddisfazioni ed il pieno raggiungimento dei propri obiettivi professionali.

Ricordiamo a chi ci segue che per la nostra Associazione questa è la seconda esperienza ricostruttiva confluita in una pubblicazione scientifica: in precedenza, infatti, avevamo offerto la nostra collaborazione alla Dott.ssa Manuela Ruggeri dell’Università di Genova, per il progetto di recupero dell’antico Monastero di Mezzano Scotti, in provincia di Bobbio (PC).
Per affrofondimenti, cliccare QUI

01_Oreno

Vivere un’esperienza venatoria di grande intensità, seguita da una meritata pausa in un ambiente di raffinata accoglienza. Attorniati dal tepore del camino, rigenerati da un pasto frugale seguito da momenti di gioco e di manutenzione delle armi da getto: più o meno così doveva svolgersi un giorno di “relax” presso il Casino di Caccia Borromeo a Oreno di Vimercate, nel Ducato di Milano di metà ‘400.

   07_Oreno          05_Oreno

Ringraziamo sentitamente il Conte Alessandro Borromeo per averci consentito di realizzare un analogo spaccato di vita quotidiana all’interno della sua splendida proprietà.

Più precisamente, la Ricostruzione Storica di IMAGO ANTIQUA (clicca per vedere tutte le foto) si è tenuta all’interno della torre di impianto trecentesco ubicata a nord-ovest del complesso della cosiddetta Corte Rustica, ampliata nel tardo XV secolo e legata alla famiglia dei De la Padella, come peraltro testimoniato da alcuni stemmi araldici “parlanti” che campeggiano sulle pareti interne, interamente affrescate entro la prima metà del secolo.

03_Oreno

Il rinvenimento di tali affreschi, ispirati al tema venatorio e dell’amor cortese, avvenne nel 1927 in modo del tutto casuale, ad opera del Conte Gian Carlo Borromeo, padre dell’attuale proprietario; i lavori di ripristino furono portati a termine sotto la direzione del Prof. Mauro Pelliccioli, dell’Accademia di Brera.

L’autore, tuttora ignoto, secondo buona parte della critica è da porre in stretta relazione con la corrente stilistica degli Zavattari e del Ciclo dei Giochi di Palazzo Borromeo a Milano (F. Wittgens, 1933).

02_Oreno04_Oreno

Chi desiderasse approfondire la storia del sito, può consultare la scheda curata dalla Regione Lombardia: RINVIO ALLA SCHEDA (cliccare)

Un set fotografico dedicato agli affreschi è stato realizzato da Andrea Carloni, Presidente di IMAGO ANTIQUA: RINVIO ALLE IMMAGINI (cliccare)

bimbi2

IMAGO ANTIQUA è un sodalizio di recente formazione che opera nel campo della Ricostruzione Storica del tardo Quattrocento italiano.

La nostra è una filosofia ambiziosa, riassumibile nei seguenti punti cardine:

  • promuovere iniziative formative e didattiche come strumento privilegiato di divulgazione dei vari aspetti del periodo assunto come riferimento;
  • creare sinergie tra operatori di riconosciuta validità nel campo della Ricostruzione Storica, offrendo visibilità a professioni e/o progetti personali di rilievo che abbiano attinenza con lo studio del XV secolo;
  • favorire una ricerca storica amatoriale, ma quanto più possibile seria e consapevole, che utilizzi strumenti attendibili ed un approccio critico nell’analisi delle fonti a disposizione;
  • impiegare solo repliche di elevata qualità, senza sottacere al pubblico limiti e margini di miglioramento delle stesse.

Leggi in maniera più approfondita la nostra mission e quello che possiamo offrire - CLICCA QUI.

Powered by Connessioni Aperte