flag_of_the_united_kingdom

As recently as one year ago we informed our readers about the start-up of the so called “Cavaniglia’s damask Project“, which IMAGO ANTIQUA feels to be part of in some way.

Initiated by our friend Renzo Semprini, it soon became clear that the goal was going to be quite demanding, as it aimed at replicating, as accurately as possible, an original Italian silk textile dating back to the late 15th century.

After surveying all the available sources, the pattern choice fell upon the damask belonging to Don Diego Cavaniglia’s funeral doublet, a noble “condottiero” from Campania dead in Otranto in 1481, whose remains rest in the Church of San Francesco a Folloni, Montella, Province of Avellino. In the years immediately following completion of its restoration (2013), this garment has become pretty famous, both in Italy and abroad, as it actually represents a rare example of early Renaissance doublet fully wisthstanding the test of time in near mint conditions.

 

Damasco originale (fronte), foto P. Fabbri

The original damask on its front (picture by Paola Fabbri)

 

The prestigious Florentine Foundation Arte della Seta Lisio was finally engaged for the project enactment: after conducting a thorough preliminary feasibility study and once the backers of the project were spotted in a handful of scarce though ultra-motivated historical Re-enactors, scattered all over Europe, just a few weeks ago the Lisio technicians completed the production of 30 meters of ivory damask fabric on a green background (the original differs only by these colors, which were specifically requested by Mr. Semprini).

CLICKING HERE you can read all details concerning this authentic challenge, a new experience, to our knowledge, in the field, a first step to steer the textile manufacturing towards a specific need of Living History, namely the creation of a high-profile silk product, substantially free of compromise and formerly not available on the market.

Please look at the finished replica here following, shown both on the front and on the reverse side, then decide for yourself if the outcome meets or not your expectations.

Replica (fronte)

Replica (front)

Replica (retro)

Replica (reverse)

 

Further details – front:

1_front4_front2_front

 

 

 

 

Further details – reverse:

5_reverse 8_reverse 6_reverse

 

 

 

 

Apart from congratulating Mr. Semprini and the Lisio Foundation, we would like to extend our sincere gratitude to those Re-enactors who made this exciting achievement possible by their valuable and irreplaceable financial contributions!

LEGGI QUESTO ARTICOLO IN ITALIANO: CLICCA QUI

Circa un anno fa partiva quello che ormai noi di IMAGO ANTIQUA chiamiamo in breve, sentendolo anche un po’ nostro, il “Progetto damasco Cavaniglia“.

Nato su iniziativa dell’amico Renzo Semprini, l’intento prefisso, certamente non di agevole traduzione pratica, era quello di replicare, con la massima precisione possibile, un tessuto serico originale della seconda metà del XV secolo italiano.

Dopo una ricognizione delle fonti a disposizione, per il pattern venne scelto il damasco appartenente al farsetto funebre di Don Diego Cavaniglia, un nobile condottiero campano morto a Otranto nel 1481, le cui spoglie riposano nella Chiesa di San Francesco a Folloni di Montella (AV).
Tale indumento è divenuto molto celebre, sia in Italia che all’estero, negli anni immediatamente successivi alla conclusione del suo restauro (2013), in quanto rappresenta uno dei rarissimi esempi di farsetti quattrocenteschi sopravvissuti alla prova del tempo in condizioni di pressochè totale integrità.

 

Damasco originale (fronte), foto P. Fabbri

Damasco originale (fronte), foto Paola Fabbri

 

Per la messa in opera era stata scelta la prestigiosa Fondazione Arte della Seta Lisio di Firenze: ultimata una serrata indagine preliminare di fattibilità e una volta individuati i rarissimi finanziatori del progetto in una manciata di ultra-motivati Ricostruttori Storici sparsi per tutta Europa, i tecnici Lisio hanno portato a termine, poche settimane fa, la produzione di 30 mt di tessuto damascato di colore avorio su fondo verde (tali colori, unico elemento di diversità con l’originale, sono stati decisi a monte dal Rag. Semprini).

CLICCANDO QUI potete leggere i dettagli analitici di questa autentica sfida che, per quanto a nostra conoscenza, rappresenta un’esperienza nuova in ambito ricostruttivo, un primo passo per indirizzare la manifattura tessile verso una necessità specifica del Living History, creando un prodotto serico di alto profilo, tecnicamente esente da compromessi e prima non disponibile sul mercato.

Di seguito mostriamo la replica in questione nel suo dritto e rovescio, lasciando che siano i lettori a concludere se il risultato sia o meno all’altezza delle premesse.

 

Replica (fronte)

Replica (fronte)

Replica (retro)

Replica (retro)

 

Altri dettagli – fronte:

1_front4_front2_front

 

 

 

 

Altri dettagli – retro:

5_reverse 8_reverse 6_reverse

 

 

 

 

 

Oltre a congratularci con il Rag. Semprini e la Fondazione Lisio, desideriamo ringraziare sentitamente tutti i Re-enactors che con il loro prezioso e insostituibile contributo economico hanno consentito di realizzare questo entusiasmante obiettivo!

READ THIS ARTICLE IN ENGLISH: CLICK HERE

flag_of_the_united_kingdom
One of the aims of
IMAGO ANTIQUA Cultural Association is “enabling sinergies between operators provided with widely recognized abilities in the Re-enactment field, giving visibility to vocations and remarkable personal projects closely related to the study of 15th century history”.

Following this approach, we’d like to bring to your attention a project encouraged by a follower of our association, Mr. Renzo Semprini, a longtime re-enactor born in Emilia-Romagna and now an adopted Florentine.

For several months Mr. Semprini has been in touch with the FONDAZIONE LISIO (Lisio Foundation), headquartered in Florence, trying to give birth to a super-detailed repro of an original Italian silk textile of late 15th century.

We are talking about the damask of a doublet which was tailored more than 530 years ago, discovered on the mortal remains of a well-known Campanian “condottiere”, named Diego Cavaniglia (1453-1481).

But let’s take this step by step…

This first Lisio lab arose in 1906 thanks to its founder Giuseppe, with the aim of keeping alive the ancient traditional Italian weaving, which reached a leading position in the Middle Ages and the Renaissance period; the Foundation was established much later, in 1971, with a view to supporting the enterprise both financially and in terms of research.
Lisio is still at the top of a niche manufactoring production, boasting
patiently handmande crafts achieved through ancient looms, using silk as well as gold and silver yarns.

FONDAZIONE “ARTE DELLA SETA LISIO”
Via B. Fortini 143 – 50125 Firenze
TEL ++39 055 6801340 / FAX ++39 055 680436
EMAIL:  info@fondazionelisio.org
Sito web – Lingua italiana
Website – English language

At the request of Mr. Semprini, the Lisio Foundation has carried out, for the first time and all the way esclusively, a special research focused on reproducing with a mechanical loom the antique pattern of a 100% silk damask, stubbornly sticking to the historical counterpart for an excellent quality output.

The abovementioned reasearch, as well as the textile testing, proved to be fully successful.
Soon after that, despite the complex economic situation of the last years, the Foundation started
a project which specifically targets the “Living History” world, evaluating the possibility of weaving on mechanical looms accurate replicas of genuine late medieval textiles, both destined to museum displays as well as to the more demanding Re-enactors.

As a “pilot product” they so replicated the SILK DAMASK of Don Diego Cavaniglia’s funeral doublet, in its original colour, that is “ivory design on ivory background”. Here follows a picture of the finding:

Immagine gentilmente concessa da Paola Fabbri

DIEGO CAVANIGLIA’S DOUBLET   (courtesy of Paola Fabbri)

Here you can see some shots of the finished sample:

8_low 7_low 6_low

5_low

3_low 2_low 1_low

After this thriving achievement, Lisio is now ready to investigate the market interest in this particular kind of complex textiles, custom-made and exclusively made on commission.

In this case, the running goal, shared and supported by IMAGO ANTIQUA Cultural Association, is gathering a level of demand proving to be enough to start a limited length production of “Cavaniglia textile”, keeping technical characteristics as close as possible to those of the original, except in color. More specifically:

Type of textile: silk damask
Textile height: 1.40 meters (equal to 140 cm)
Textile coloursivory design on green background
(IMPORTANT – YOU CAN’T REQUEST DIFFERENT COLOURS!)

Goal: minimum production of 30 meters
Selling price = 170 Euros per 1 meter (inclusive of Italian taxation)
Minimum order quantity per single buyer: 1 meter

In order to start the production, the firm is so trying to gather a number of buyers (re-enactors, amateurs, etc.) capable, all together considered, to guarantee at least the funding needed to cover the fixed manufacturing costs of the whole minimum length of 30 meters.

If you are willing to contribute to this aim, registering for the purchase of nr. 1 or more meters of “Cavaniglia textile”, only available with an ivory design on a green background, you are kindly invited to communicate your interest sending an email to Mr. Renzo Semprini, who serves as a point of contact with the Lisio Foundation: renzosempro@gmail.com 


** Disclaimer **

There’s one thing we’d like to make perfectly clear: IMAGO ANTIQUA Cult. Ass. will not derive any gain from the aforementioned project as it has got NO relationship with the business run by the Lisio Foundation, nor holds any interest in Mr. Renzo Semprini’s sphere of action. In a nutshell, the only reason urging us to contribute to the success of this challange is the wish that, in a hopefully not too distant future, all historical re-enactors can benefit from real textile repros, without any compromise, fully suitable to the tailoring of artistocratic garments and clothing accessories because totally tracing the features shown by late medieval products.

LEGGI QUESTO ARTICOLO IN ITALIANO: CLICCA QUI

Tra le varie finalità dell’Associazione Culturale IMAGO ANTIQUA vi è quella di “creare sinergie tra operatori di riconosciuta validità nel campo della Ricostruzione Storica, offrendo visibilità a professioni e/o progetti personali di rilievo che abbiano attinenza con lo studio del XV secolo” (clicca qui).

E’ nel solco di questo indirizzo che vorremmo portare alla vostra attenzione un progetto nato per impulso di un nostro simpatizzante, il Rag. Renzo Semprini, ricostruttore storico di lunga data, romagnolo d’origine e fiorentino d’adozione.
Da diversi mesi il Rag. Semprini è in contatto con la FONDAZIONE LISIO – ARTE DELLA SETA, con sede nel capoluogo toscano, per tentare di riprodurre fin nel dettaglio un tessuto serico originale della seconda metà del XV secolo italiano.
Nella fattispecie si tratta del damasco con il quale venne confezionato, circa 530 anni fa, il farsetto rinvenuto sulle spoglie mortali di un ormai noto condottiero campano rispondente al nome di Diego Cavaniglia (1453-1481).

Ma andiamo per ordine…

Il primo laboratorio Lisio nasce nel 1906 per merito del capostipite Giuseppe, con l’intento di mantenere in vita l’antica tradizione tessile italiana in auge nel Medioevo e Rinascimento; la Fondazione è stata istituita molto più tardi, nel 1971, per supportarne l’attività sia sul piano del finanziamento che della ricerca.
Tuttora, la Lisio si pone ai vertici di una produzione manifatturiera di nicchia, che prevede lavorazioni pazientemente svolte a mano con telai antichi, utilizzando seta e filati d’oro e d’argento.

FONDAZIONE “ARTE DELLA SETA LISIO”
Via B. Fortini 143 – 50125 Firenze
TEL ++39 055 6801340 / FAX ++39 055 680436
EMAIL:  info@fondazionelisio.org
Sito web – Lingua italiana
Website – English language

Su richiesta del Rag. Semprini, la Fondazione Lisio ha proposto, per la prima volta ed in via esclusiva, una ricerca per ricostruire su un telaio meccanico l’antico disegno di un damasco in 100% seta, rispettando fedelmente il pattern storico con una qualità eccellente.

La ricerca, così come la prova tessile, è risultata molto soddisfacente. Di seguito, pur nella complessa congiuntura economica attuale, la Fondazione ha avviato un progetto specificamente rivolto al mondo della “Storia Viva”, valutando la possibilità di realizzare su un telaio meccanico repliche fedeli di tessuti originali tardomedievali, tanto destinati all’esposizione museale che ad uso del Ricostruttore Storico più esigente.

Come “prodotto pilota” è stato così replicato il DAMASCO DI SETA del farsetto funebre di Don Diego Cavaniglia, Conte di Montella (AV), nel suo colore originale, ossia “avorio su fondo avorio”.

Ecco l’immagine dell’originale:

Immagine gentilmente concessa da Paola Fabbri

FARSETTO DIEGO CAVANIGLIA. Immagine gentilmente concessa      da Paola Fabbri.

Di seguito alcuni scatti del campione realizzato:

8_low 7_low 6_low

   5_low

  3_low 2_low 1_low

Ultimata questa prima fase con esito positivo, la Lisio si appresta ora a sondare l’interesse del mercato verso questo genere di complessi tessuti, realizzati ad hoc ed in esclusiva della committenza.

Nella fattispecie, l’obiettivo in corso, condiviso e supportato dall’Associazione Culturale IMAGO ANTIQUA, è quello di raggiungere una richiesta sufficiente per realizzare una metratura limitata del “tessuto Cavaniglia”, mantenendo caratteristiche tecniche il più possibile aderenti a quelle dell’originale, fuorché nel colore e più precisamente:

Tipo tessuto: damasco di seta

Altezza tessuto: 1,40 mt

Colore tessuto: disegno avorio su fondo verde
(NOTA BENE – NON E’ POSSIBILE RICHIEDERE ALTRI COLORI!)

Obiettivo: produzione minima di 30 mt

Costo al pubblico = 170 Euro x 1 metro (tasse incluse)

Metratura minima prenotabile dal singolo: 1 metro

Per dar corso alla manifattura, si sta tentando di radunare un bacino di acquirenti (re-enactors, ma anche amatori in genere) che possano assicurare, nel suo complesso, almeno la copertura finanziaria occorrente per abbattere i costi vivi dell’intera metratura prodotta, 30 mt appunto.

Se desiderate contribuire a questa causa, mettendovi in lista per l’acquisto di n. 1 o più metri di “tessuto Cavaniglia”, esclusivamente con disegno avorio su fondo verde, potete inoltrare il vostro interessamento a mezzo email al Rag. Renzo Semprini, che funge da referente con la Fondazione Lisio: renzosempro@gmail.com 

** Disclaimer **

Precisiamo, per dovuta chiarezza, che IMAGO ANTIQUA non percepisce alcunchè per quanto fin qui segnalato e che la stessa si pone in una posizione di assoluta terzietà rispetto all’attività della Fondazione Lisio, così come è del tutto estranea alla sfera di interessi del Rag. Renzo Semprini.
In buona sostanza, l’unico intento che ci spinge a contribuire alla buona riuscita di questo progetto è l’auspicio che in un prossimo futuro si possa finalmente disporre di repliche di tessuti reali e senza compromessi, adatti alla creazione di abiti e complementi di abbigliamento nobiliari che siano in tutto e per tutto confacenti alle controparti prodotte nel Basso Medioevo.

 

READ THIS ARTICLE IN ENGLISH: CLICK HERE

Powered by Connessioni Aperte